Le principali notizie di moda internazionali della settimana

Banner di Miley Cyrus



Questa settimana della moda, Valentino ha aperto il suo primo negozio a Sydney, Gigi Hadid ha lanciato le sneakers in collaborazione con Reebok, Stella McCartney ha esteso la partnership con l'azienda di spedizioni e Miley Cyrus mostra il sostegno della moda cruelty-free. Trova queste storie e altro mentre riveliamo le principali notizie di moda internazionali della settimana.

Valentino apre il suo primo negozio a Sydney

Valentino sta aprendo le porte della primissima boutique della città a Westfield Sydney, giusto in tempo per Natale. Progettata dall'architetto britannico David Chipperfield, la nuova boutique di 342 metri quadrati combina elementi del caratteristico stile romantico di Valentino e dell'estetica classica, con accenti geometrici complementari: si pensi a uno spazio trapezoidale completo di una singola colonna libera e un assortimento di mobili in diversi materiali e forme . Con le sue pareti, i pavimenti e la facciata realizzati interamente in terrazzo alla veneziana, il nuovo negozio riecheggia il carattere accattivante di coloro che lo hanno preceduto, insieme a caratteristiche che sono diventate sinonimo della maison italiana e dei valori dell'artigianato per cui è diventata nota .





Per celebrare l'apertura del negozio, il marchio lancia anche una borsa Rockstud Spike a tema natalizio, disponibile per gli acquisti esclusivamente a Westfield. Con solo 400 pezzi completi di borchie color rubino e una poesia di Yrsa Daley-Ward, faresti meglio ad entrare in fretta prima che si esauriscano.



Visualizza questo post su Instagram

La morbida pelle e il logo #VLTN rendono la borsa perfetta per la nuova stagione. Scopri i nuovi arrivi nel nuovo store @maisonvalentino al Livello 4 sia per uomo che per donna. #Valentino #westfieldsyd

Un post condiviso da Westfield Sydney (@westfieldsyd) il 13 dicembre 2018 all'1: 19 PST

Gigi Hadid ha lanciato le sneakers in collaborazione con Reebok

Gigi Hadid ha annunciato l'uscita di Gigi x Reebok che includerà le sneakers come parte di una collezione più ampia. Le scarpe sono ora disponibili per l'acquisto Qui e fanno parte di una collezione limitata iniziale. Sembrano un elegante ibrido degli anni '80 che incontra gli anni '90 e sono disponibili in due colorazioni: bianco con lampone e nero con senape. I due crop top Reebok x Gigi arriveranno anche sugli scaffali quando uscirà la prima fase del rilascio il mese prossimo. Il resto della collezione dovrebbe essere messo in vendita a gennaio o febbraio 2019.



Negli ultimi anni, Gigi ha collaborato con Reebok come parte della loro campagna #neverperfect e ha avuto la sua giusta parte di esperienza nel design lavorando con altre etichette. Nel 2016, ha disegnato un paio di stivali con Stuart Weitzman e ha creato diverse collezioni di passerelle con Tommy Hilfiger.

Visualizza questo post su Instagram

reebok.com/gigihadid #reebokxgigi taglie unisex !!! aztrek, prima goccia 1/2

Un post condiviso da Gigi Hadid (@gigihadid) il 7 dicembre 2018 alle 5:28 PST

Stella McCartney estende la partnership con la società di spedizioni

Il marchio di moda e lifestyle di Stella McCartney ha esteso la sua partnership con The RealReal fino al 2019 per tenere i prodotti fuori dalle discariche. Gli acquirenti che effettuano consegne con The RealReal ricevono $ 100 di credito da spendere nei negozi Stella o online, affermano le società. Quando il designer McCartney e il CEO di RealReal Julie Wainwright hanno inizialmente unito le forze, è stata la prima volta che un marchio di lusso ha iniziato a spingere attivamente per la consegna di articoli.

La loro collaborazione ha prodotto finora ottimi risultati, dicono le due donne. I mittenti RealReal degli articoli Stella McCartney sono aumentati del 65% e il numero degli articoli del marchio spediti è aumentato del 74% ogni anno. Fondata nel 2011 come startup online, la società di spedizioni di lusso ha ora punti vendita nelle città degli Stati Uniti. La necessità di un cambiamento nel settore è pressante. L'anno scorso, la Circular Fibres Initiative della Ellen MacArthur Foundation ha scoperto che ogni secondo l'umanità brucia o rovina abbastanza vestiti da riempire un camion della spazzatura. Anche noti marchi di moda vengono chiamati per le loro pratiche. Di recente ciò includeva Burberry, che è stata presa di mira per aver distrutto i prodotti di lusso finiti e ha accettato a settembre di porre fine alla pratica.

Visualizza questo post su Instagram

Stella, cambia agente, sulla copertina di @wireduk questo mese. “Il punto di partenza non è il design, il punto di partenza è la sostenibilità”. All'interno, parla di come l'ambiente e l'innovazione siano in prima linea in tutto ciò che facciamo. Disponibile domani in versione cartacea e online. . Scatto per la rivista WIRED numero 01.19 di Erik Madigan Heck. Copyright The Condé Nast Publications Ltd.. # pixel3 #teampixel #StellaMcCartney #StellasWorld

Un post condiviso da Stella McCartney (@stellamccartney) il 5 dicembre 2018 alle 7:33 PST

Adidas, Gucci, Zara e H&M si sono impegnate a ridurre le proprie emissioni di gas serra entro il 2030.

In occasione del grande vertice sul clima COP24 delle Nazioni Unite in Polonia questa settimana, i marchi e altre parti interessate di tutto il settore hanno lanciato la Carta dell'industria della moda per l'azione per il clima. La carta include il taglio delle emissioni del 30% e altri 15 obiettivi. Questi includono l'impegno ad analizzare e impostare un 'percorso di decarbonizzazione' - fondamentalmente un modo per ridurre le emissioni - e le aziende firmatarie che eliminano gradualmente la produzione di energia a carbone dal 2025. Molti degli altri obiettivi sono piuttosto confusi, tuttavia. Includono il sostegno agli obiettivi dell'accordo di Parigi, il perseguimento di misure di efficienza energetica, la collaborazione con le banche per catalizzare soluzioni scalabili e l'instaurazione di un dialogo più stretto con consumatori e governi.

Patricia Epinosa, segretario esecutivo delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico, ha definito la carta 'importante' e 'un impegno unico'. 'L'industria della moda è sempre due passi avanti quando si tratta di definire la cultura mondiale', ha detto. Il business globale della moda è un'enorme fonte industriale di gas serra. La produzione tessile ha rilasciato 1,2 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente nel 2015, pari alle emissioni di circa 300 centrali elettriche a carbone in un anno, o più del doppio delle emissioni annuali dell'Australia. A marzo, l'ONU ha descritto la pratica di sfornare grandi volumi di vestiti economici e usa e getta ('fast fashion'), come una 'emergenza ambientale e sociale'. Ha detto che le cose andranno solo peggio quando le classi medie in crescita in paesi come la Cina e l'India inizieranno a comprare più vestiti. La carta guidata dall'industria non suggerisce di ridurre il consumo di vestiti. L'ONU 'faciliterà e coordinerà' il lavoro sul clima dell'industria della moda, compresa l'organizzazione di seminari e la definizione di obiettivi annuali. I primi gruppi di lavoro si riuniranno all'inizio del prossimo anno.

Visualizza questo post su Instagram

Programma di raccolta vestiti | Come parte del nostro impegno sociale e ambientale, ti aiutiamo a prolungare facilmente la durata dei tuoi vestiti. #recycle #joinlife

Un post condiviso da ZARA Official (@zara) il 13 dicembre 2018 all'1: 36 PST

Miley Cyrus a sostegno della moda senza crudeltà

È raro che le celebrità indossino abiti che rappresentino le questioni importanti per loro, ma Miley Cyrus sta attualmente conducendo una masterclass su come incorporare le tue convinzioni nel tuo guardaroba. Attualmente a Londra per promuovere il suo nuovo singolo con Mark Ronson, 'Nothing Breaks Like a Heart', la cantante e attivista per i diritti degli animali di lunga data ha colto l'occasione per mostrare il suo meglio in modo cruelty-free. Uscito pochi giorni fa presso lo studio della BBC di Maida Vale, Cyrus ha posato per delle foto con i fan che indossavano una finta pelliccia vintage di Vivienne Westwood. Stratificato su un body Wolford, pantaloncini Westwood e stivali da cowboy in pelle vegana di Casadei, il look riflette i principi etici che Cyrus tiene a cuore.

La combinazione di colori completamente neri e l'uso di articoli cruelty-free sono stati un tema continuo del tour londinese di Cyrus. Ha optato per la splendida combinazione di una minigonna Chanel e gli stivali alti alla coscia di Stella McCartney mentre lasciava il suo hotel a Westminster. Con versioni vegane di pelle, pelliccia e lana tutte nel mix nel suo guardaroba, Cyrus dimostra che la moda senza crudeltà è elegante e di tendenza.

Visualizza questo post su Instagram

Ora CAMMINA ...

Un post condiviso da Miley Cyrus (@mileycyrus) il 9 dicembre 2018 alle 20:56 PST