8 celebrità ecologiche che dovresti conoscere

9 celebrità ecologiche - Banner



Penseresti che la moda eco-compatibile sarebbe molto lontana dalla vita glamour delle celebrità, ma a quanto pare no. L'ultima novità nel settore della moda è il commercio equo e solidale, sostenibile e prodotti attenti all'ambiente grazie a molte celebrità che stanno portando l'attenzione su questi temi. Ci piace che le celebrità aprano la strada per garantire che i prodotti che acquistiamo siano sostenibili e lo facciano con stile. Di seguito diamo un'occhiata a come queste celebrità ecologiche ci stanno facendo mettere in discussione la storia dietro i prodotti che acquistiamo oggi.

Contenuti 1. Emma Watson 2. Lauren Conrad 3. Stella McCartney 4. Lauren Bush Lauren 5. Christy Turlington Burns 6. Rosario Dawson 7. Olivia Wilde 8. Gwyneth Paltrow

1. Emma Watson

In cima alla lista delle celebrità che promuovono il commercio equo e solidale nel settore della moda c'è Emma Watson. Per Watson, che è anche un'ambasciatrice di buona volontà delle donne delle Nazioni Unite, promuovere il commercio equo e gli standard etici nella moda è qualcosa di strettamente allineato ai suoi valori personali. Nel 2010 Watson l'ha lanciata Feel Good Style sito dedicato alla moda sostenibile e alla bellezza naturale e ha aiutato il marchio britannico del commercio equo e solidale People Tree a creare tre collezioni composte da abbigliamento biologico ed equo e solidale. Watson ha anche lavorato con la designer di lusso Alberta Ferretti per produrre una gamma ecologica chiamata Pure Threads nel 2011 e afferma: 'Lavorerò per chiunque gratuitamente se è pronto a rendere i loro vestiti equo e solidali e biologici. È davvero difficile attirare l'interesse delle persone '. Uno dei motivi per cui Watson dedica la sua attenzione al commercio equo è perché offre alle persone l'opportunità di aiutare se stessi a uscire dalla povertà in modo sostenibile, piuttosto che fare affidamento su elargizioni di beneficenza.





Emma Watson

2. Lauren Conrad

Lauren Conrad è co-fondatrice di Il mercatino , un mercato online del commercio equo e solidale che vende prodotti fatti a mano selezionati da artigiani durante i suoi viaggi in paesi come Bolivia, Perù, India, Nepal, Ghana e Guatemala. Attraverso il suo lavoro The Little Market consente agli artigiani di tutto il mondo di sostenere le proprie attività e preservare le competenze tradizionali tramandate dalle generazioni precedenti e di migliorare le loro comunità attraverso l'impegno a standard etici come salari equi, commercio equo e condizioni sicure per tutti lavoratori. La celebrità di Conrad sta senza dubbio attirando l'attenzione sulla questione del commercio equo e solidale, oltre a consentire a questi artigiani di mostrare le loro abilità a un pubblico più ampio, il che, a sua volta, sta cambiando il ciclo della povertà per molte donne e le loro famiglie.



Lauren Bush

3. Stella McCartney

Uno dei designer eco-compatibili più famosi è Stella McCartney, la cui casa di moda utilizza pratiche sostenibili ed ecocompatibili tra cui l'uso di tessuti organici, energie rinnovabili per mantenere i negozi in funzione, non utilizzando PVC e aderendo a organizzazioni che promuovono pratiche commerciali etiche. McCartney è vegetariana per tutta la vita e, a causa di questo e di altri motivi ambientali, non usa pelle o pelliccia nei suoi modelli. McCartney ha stabilito uno standard da seguire per i suoi colleghi, dimostrando che l'industria può adattarsi per realizzare capi etici e sostenibili e che le persone li compreranno. McCartney dice: “C'è un interesse acquisito perché viviamo su questo pianeta e abbiamo bisogno di prendercene cura, poiché senza di esso non abbiamo nulla. Quindi non è solo l'industria della moda, è ogni singolo settore '. McCartney ha anche ispirato un nuovo hashtag di Twitter #itsnotjuststella che sta portando consapevolezza alla rivoluzione della moda sostenibile, in particolare ai marchi meno importanti che producono anche moda etica.

Stella McCartney



4. Lauren Bush Lauren

Lauren Bush Lauren è la fondatrice di Progetto FEED , una società di borse e accessori fatti a mano che devolve i profitti delle sue vendite a organizzazioni che forniscono pasti ai bambini bisognosi, nel tentativo di combattere la fame nel mondo. Le borse sono anche realizzate in una fabbrica del commercio equo e solidale, che crea condizioni sicure ed eque per i suoi lavoratori. Il progetto è attualmente in espansione con una nuova iniziativa, che prevede di raccogliere fondi per un milione di pasti per bambini affamati e malnutriti, oltre agli 84 milioni di pasti già raccolti. Con l'influenza politica della famiglia di Lauren e l'influenza della moda della famiglia di suo marito (è sposata con David Lauren, figlio di Ralph Lauren), è piacevole che lei scelga di usare il suo potere e la sua influenza per perseguire iniziative imprenditoriali sociali.

Lauren Bush

5. Christy Turlington Burns

La top model Christy Turlington Burns sta contribuendo a cambiare il mondo con la sua creazione di una serie di episodi chiamati 'Threading: Driving Fashion Forward' per sensibilizzare sui milioni di lavoratori dell'abbigliamento che necessitano di salari equi e privilegi fondamentali dei diritti umani. Turlington ha sottolineato che spesso nei paesi in via di sviluppo i lavoratori dell'abbigliamento sono bambini piccoli che lavorano a turni fino a 16 ore, a volte 7 giorni alla settimana, e guadagnano meno di 30 centesimi l'ora. Nell'episodio finale, Turlington dice: 'Non ricevono assistenza sanitaria, sono in spazi angusti che sono mal costruiti' ... È come se i prezzi degli indumenti aumentassero e la manodopera diminuisse, questa è la parte che indosso. non capisco. I margini sono enormi. L'idea che gli esseri umani vengano sacrificati per quel margine è completamente immorale. '

Christy Turlington Burns

6. Rosario Dawson

Il multi talento Rosario Dawson è il fondatore di Studio 189 , un'azienda che utilizza la moda per implementare il cambiamento sociale e pratiche eco-compatibili e creare opportunità per l'empowerment, l'istruzione e l'occupazione degli artigiani. Il sito di e-commerce fornisce una piattaforma per promuovere pezzi di base casual africani che sono stati tutti tinti a mano. Questo modello di business garantisce la conservazione delle tecniche artigiane locali tramandate dalle generazioni precedenti e aiuta le donne a sostenere un reddito. Dawson dice: “La nostra missione è simbolica. All'interno del marchio stesso, vedrai un simbolo adinkra che usiamo sempre. Dice: 'Aiutami e lascia che ti aiuti'. È un simbolo utilizzato in tutta l'Africa occidentale. Si tratta di cooperazione, collaborazione e interdipendenza. Lavorare e aiutarsi a vicenda è la base della nostra linea. '

Rosario Dawson

7. Olivia Wilde

Olivia Wilde si occupa di moda etica. L'attrice ha collaborato con H&M sul loro Collezione 2015 Conscious Exclusive per aiutare a spargere la voce sulla linea eco-friendly. La collezione ha utilizzato poliestere riciclato e cotone e seta organici ed è stata prodotta in linea con le iniziative retributive a livello aziendale. Su cosa significhi per lei moda sostenibile, Wilde dice: “Significa che le decisioni etiche vengono prese in ogni fase della produzione. Gli indumenti sono realizzati con tessuti più sostenibili, sia che ciò significhi che sono riciclati da fibre coltivate biologicamente o realizzati con materiali più sostenibili come il tencel, che è fatto dalla cellulosa che si trova nella polpa di legno. Ci sono anche questioni più ampie, come i diritti e il benessere dei lavoratori che realizzano gli indumenti e il modo in cui gli indumenti vengono trasportati in tutto il pianeta '. Wilde è anche una co-fondatrice del mercato online Conscious Commerce che dimostra che la moda sostenibile può anche essere elegante e afferma che spera di dimostrare che 'l'abbigliamento etico non è una fantasia di moda ma una realtà raggiungibile'.

Olivia Wilde

8. Gwyneth Paltrow

L'attrice diventata guru dello stile di vita, Gwyneth Paltrow sta prendendo posizione per la moda rispettosa dell'ambiente. L'azienda di Paltrow Goop ha stretto una partnership con Amour Vert per creare una linea di camicie eco-fashion realizzate con tessuti organici, tinti in seta e stampate con coloranti a basso impatto. Le magliette promuovono anche pratiche sostenibili con un albero da piantare nella foresta nazionale di Tahoe per ogni maglietta venduta. Questa non è la prima volta che Paltrow sostiene la moda sostenibile; l'attrice ha anche collaborato con molte figure della moda tra cui Stella McCartney ed Ecoalf per produrre altre linee di moda eco-compatibili.

Gwyneth Paltrow